martedì 1 dicembre 2015

Coldplay, "A Head Full Of Dreams" è il momento dell' elettropop

I Coldplay hanno scoperto i colori. Sono quelli che escono dal caleidoscopio di "A Head Full Of Dreams", il nuovo album in uscita il 4 dicembre. Chris Martin e soci hanno operato una decisa inversione di marcia rispetto alle atmosfere brumose del precedente "Ghost Stories". Ambientazioni solari, ritmi disco, un po' di elettronica e melodie gioiosamente pop: per la band è il momento della leggerezza.

Chris Martin aveva annunciato qualche tempo fa che questo album "chiude un percorso iniziato molto tempo fa". Qualcuno ha voluto interpretare la cosa persino come l'annuncio di un album d'addio. In realtà, a quasi vent'anni dal debutto, i Coldplay chiudono un cerchio. L'immagine caleidoscopica che campeggia sulla copertina ben rappresenta tanto il lavoro in sé quanto l'universo della band, partita da un rock alternativo che aveva nei Radiohead del tempo il più evidente punto di riferimento, per poi un pop-rock da arena che strizzava l'occhio agli U2. Sempre con un carico di melanconia che ha rappresentato la cifra stilistica di Martin e compagni. 

Ottimismo, sogni, gioia: i Coldplay, come in copertina, hanno giocato con i colori, puntando su quelli più brillanti per lasciare da parte mezze tinte troppo sfumate e poco decise. Il risultato è un album senza troppe ridondanze e autoindulgenze, dall'anima piacevolmente "hippie" e scanzonata. Qualcuno forse dovrà abituarsi a questi nuovi Coldplay. Ma funzionano benissimo.
.


Nessun commento :

Posta un commento