giovedì 3 dicembre 2015

Camera, basta viaggi gratis per gli ex deputati

Niente più rimborsi di viaggio per gli ex deputati: ad abolirli è stato l'ufficio di Presidenza della Camera. La mossa consentirà di risparmiare in effetti soltanto 900mila euro l'anno, ma il "privilegio è odioso", denunciano gli M5S, che quest'estate erano riusciti a far approvare a Montecitorio un ordine del giorno al bilancio della Camera anti-casta proprio per abolire tale norma.

Fino ad oggi la Camera ha sempre rimborsato agli ex deputati le spese per spostarsi in Italia: treno, aereo, nave, autostrada, come scrive il "Messaggero". I rimborsi variano in base al numero di legislature dei singoli ex, fino a un massimo di 3.200 euro l'anno. E' anche possibile usufruire dell'agenzia di viaggio che opera nella struttura di Montecitorio. Adesso le cose dovrebbero cambiare, grazie all'approvazione dell'ordine del giorno dei grillini. Nel 2014 Sel aveva proposto un altro ordine del giorno su questo privilegio, ma in quel caso le spese erano soltanto state ridotte. 

Nulla cambia invece per i 35 milioni stanziati per i viaggi dei parlamentari in carica oggi. E nulla cambia neanche per gli ex senatori, che mantengono il loro privilegio per dieci anni dall'ultima legislatura a cui hanno partecipato.
.


Nessun commento :

Posta un commento