domenica 22 novembre 2015

Not in my name, i musulmani italiani condannano il terrorismo

'Not in my name': i musulmani italiani, da Roma a Milano, sono scesi in piazza e hanno condannato, senza se e senza ma, il terrorismo e l'assassinio in nome di Allah. La condanna decisa e senza appello ad ogni 'forma di morte e terrorismo nel nome di Dio' è venuta unanime, dal mondo islamico italiano che si è ritrovato in piazza dei Santi Apostoli di Roma, che ha riunito, malgrado la pioggia battente sulla Capitale, centinaia di persone, sia di fede islamica che non. 

'Oggi, da questa piazza, parte un messaggio chiaro e netto: il terrorismo non può continuare a colpire ovunque in nome di Allah. Da Roma vogliamo esprimere il senso di lutto che abbraccia tutto il mondo dopo le stragi di Parigi e del Mali': ha affermato il segretario generale del Centro islamico italiano, Abdellah Redouane, intervenuto dal palco della manifestazione, allestito in piazza dei Santi Apostoli, tra imponenti misure di sicurezza.

Una grande scritta: 'Musulmani d'Italia. Not in my name. No al terrorismo fa da sfondo agli interventi che, per circa due ore, si sono susseguiti dal palco. Durante la manifestazione, si è formato, quasi spontaneamente, un piccolo corteo all'interno di piazza Santi Apostoli: 'Solidarietà al popolo francese. No al terrorismo in nome di Dio'. A guidarlo uno striscione: 'Coordinamento delle associazioni islamiche del Lazio'. Un altro striscione reca scritto: 'La comunità islamica di Centocelle condanna gli attentati di Parigi'. Dall'improvvisato corteo si è alzato spontaneo un grido: 'Non ci stiamo, non ci stiamo' e 'viva l'Italia, viva l'Italia. 
.

Nessun commento :

Posta un commento