giovedì 19 novembre 2015

La pianista Cristiana Pegoraro conquista la Carnegie Hall a NY

Applausi senza sosta. Ripetute standing ovation premiate con più bis. Così il pubblico riunito ieri sera alla Carnegie Hall di New York City ha espresso il suo apprezzamento per la performance della pianista italiana Cristiana Pegoraro. La musicista, una delle più acclamate a livello internazionale, ha intrattenuto i suoi spettatori riuniti nella celebre sala americana con una creatività e un entusiasmo che già nel 1996 le permisero di essere definita dal New York Times "un'artista del più alto calibro", quando fece il suo debutto all'Alice Tully Hall del Lincoln Center.

"Carnegie è un palcoscenico straordinario, dà sempre un'emozione pazzesca", ha raccontato dopo il concerto sold-out. Là l'artista ha interpretato con passione un programma di compositori italiani o che dall'Italia si sono fatti ispirare, da Domenico Scarlatti al tedesco Ludwig van Beethoven passando per Gioacchino Rossini e Franz Liszt. Il suo "Omaggio all'Italia" - questo il nome del tour in 20 tappe di cui 12 in Usa - si è concluso con un mix di arie dalle opere italiane di Verdi, Puccini e Rossini seguito da un fuori programma con cui l'artista ha voluto ringraziare il suo pubblico e che ha compreso il suo "Il vento e il mare" e un tango di Astor Piazzolla. 

Per lei non è stata la prima volta a Carnegie, ma siccome non capita tutti i giorni di esserci "quando ci sono, ci voglio rimanere per gustarmi quel momento. Un pezzo in più, un'emozione in più. Poi è stato bellissimo vedere tutte quelle standing ovation. E' il pubblico che ti ridà indietro tutto quello che dai e quindi non vuoi andare via".
.

Nessun commento :

Posta un commento