venerdì 19 gennaio 2018

Maltempo, 3 morti in Olanda, 6 in Germania 1 in Belgio

La tempesta Friederike flagella il Nord Europa con venti fino a 200 chilometri orari, lasciando dietro di sé almeno dieci morti, feriti e danni ingenti. Dall'Olanda al Belgio, dalla Germania alla Gran Bretagna, alla Francia: gli aeroporti sono in tilt, il traffico ferroviario e autostradale è messo a dura prova e i disagi per milioni di cittadini aumentano.

Nei Paesi Bassi il bilancio è di tre morti e un ferito, tutti colpiti da rami o da alberi sradicati dal vento. Le forti raffiche hanno danneggiato la sede di Europol all'Aja, mentre il traffico automobilistico è rimasto interrotto a lungo verso la città portuale di Rotterdam, sia da Amsterdam che dall'Aja. Le autorità parlano di danni per milioni di euro.

In Belgio la furia della tempesta ha provocato la morte di una donna, rimasta schiacciata nell'abitacolo della sua auto per la caduta di un albero, a sud-est di Bruxelles. Almeno quattro invece i feriti ad Anversa, tra cui una donna in gravissime condizioni dopo esser stata colpita alla testa da una lastra di metallo.

Drammatico il bilancio anche in Germania dove l'uragano Friederike ha causato la morte di almeno sei persone, di cui due vigili del fuoco impegnati nei soccorsi. La regione più colpita è stata quella del Nord Reno Vestfalia dove si sono registrate almeno tre vittime tra cui un uomo di 59 anni, travolto dalla caduta di un albero ad Emmerich. Dei due vigili del fuoco che hanno perso la vita uno era un pompiere della Turingia.

.

Nessun commento :

Posta un commento