martedì 31 ottobre 2017

Mostre: Bernini, l'artista universale

Scultore, pittore, architetto, straordinario regista di macchine sceniche e di monumentali imprese urbanistiche, Gian Lorenzo Bernini, maestro universale, è al centro di una magnifica mostra allestita dall'1 novembre al 4 febbraio nelle sale della Galleria Borghese, che da sempre custodisce ben nove dei suoi più celebri (e inamovibili) capolavori. Dagli esordi con il padre Pietro ai gruppi marmorei borghesiani, dai bozzetti per i suoi più arditi progetti ai ritratti, scolpiti e dipinti, lo spettro creativo del Bernini è per la prima volta riproposto nella sua interezza, attraverso circa 80 opere, inediti confronti e restauri, a sottolineare la portata rivoluzionaria del suo linguaggio, che introduce nell'arte plastica l'armonia tra sentimento e movimento.
    
''Una mostra del genere poteva essere allestita solo qui'', ha detto alla vernice per la stampa la direttrice della Galleria Borghese Anna Coliva (e curatrice con Andrea Bacchi), sottolineando come una simile impresa, ponderosa anche dal punto di vista economico (si pensi ai 150.000 euro di premi assicurativi, 500.000 euro per i trasporti e 62.000 per il restauro di Santa Bibiana), sia stata resa possibile dalla sponsorship triennale con Fendi e, in questa occasione, con Intesa San Paolo. 

'Bernini' è del resto la realizzazione di un sogno, ha proseguito la Coliva, idealmente ricollegato all'esposizione che nel 1998 inaugurò la riapertura dopo un restauro infinito della Galleria. In quella occasione, l'obiettivo era la nascita del Barocco in Casa Borghese, vale a dire le commesse del cardinal Scipione al giovane scultore (che con il padre aveva già decorato il parco della Villa) per i celeberrimi gruppi marmorei, in cui Bernini si confrontava con l'antico e la sua dimensionalità e dava vita a un linguaggio plastico nuovo e dinamico.

.

Nessun commento :

Posta un commento