lunedì 17 marzo 2014

Sui muri di Racale il patrono con gli slip griffati

Un referendum per scegliere se tenere o cancellare il murales di Ozmo, all’anagrafe Gionata Gesi, fra i più quotati artisti della street art nel mondo, che raffigura il patrono di Racale in maniera poco convenzionale. Il suo ritratto di San Sebastiano, con un paio di mutande griffate e delle sfere numerate intorno, continua a far discutere i racalini, molti dei quali scettici sull’opera del writer arrivato in Salento su invito dei ragazzi dell’associazione Viavai project. «Ozmo è arrivato qui non per spregiare il Santo - afferma Biagio Villa, uno dei tre fondatori dell’associazione - ma questo è il suo modo di lavorare, attualizzando immagini e simboli». 

Su Facebook fioccano i commenti di chi è a favore o si sente offeso. E c’è chi addirittura chiede un refendum per decidere se lasciare il murales così o modificarlo. «Sono tantissime le persone che approvano l’idea - continua Villa - non siamo d’accordo sulla censura, e comunque vogliamo portare avanti il nostro progetto».
.

Nessun commento :

Posta un commento